NUDI E CRUDI  – Alan Bennett

“La gente può fare a meno di tante cose; il problema è che non riesce a non andare a comprarle.”

Mr e Mrs Ransome sono una coppia di mezza età della borghesia londinese. Un avvocato pignolo e rugginoso, con una vera e propria fissa per Mozart ed una casalinga apatica e annoiata, sposati da oltre trent’anni e senza figli. Una sera, tornando da teatro, trovano la casa svaligiata. Completamente vuota. Mobili, quadri, suppellettili, moquette, persino la carta igienica ed una teglia in forno con uno sformato appena cotto. Tutto scomparso.
Una scena a dir poco grottesca diventa il pretesto per mettere a nudo non solo l’appartamento, ma anche i suoi inquilini. Ecco che i due coniugi, senza più quelle piccole abitudini che fungevano da paravento, senza quel mondo familiare e costruito che li proteggeva, si ritrovano improvvisamente uno di fronte all’altra. Nudi e crudi. 

Riusciranno a cogliere quest’unica opportunità che la vita concede loro per riscoprire il piacere della trasgressione ai rigidi schemi della propria esistenza? O si precluderanno definitivamente la possibilità di vivere con pienezza? 

Un’opera intelligente, non così comica come viene tendenzialmente descritta dalla critica, ma di un umorismo tagliente e sottile, in un crescendo di cinismo che conduce ad un finale che fa riflettere. 

Informazioni su Giuliana Bellosi

Toscana di nascita, laureata all'Università degli Studi di Pisa, attualmente a Milano. Lettrice appassionata, reviewer.
Questa voce è stata pubblicata in Narrativa contemporanea, Recensione libri e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...