LA TRISTEZZA HA IL SONNO LEGGERO – Lorenzo Marone

Il destino ci segue sempre un passo indietro e si ciba degli sbagli che lasciamo lungo la strada.

Un’eco lontana de “La famiglia” di Ettore Scola mi porta ad una tavola imbandita, intorno alla quale siedono i molteplici protagonisti di questa storia che ha il profumo della più tradizionale commedia italiana.  

Sull’onda dell’ironia e del disincanto, l’autore delinea, muovendosi avanti e indietro nel tempo, un vasto campionario di individui “normali”, Erri e la sua grande famiglia allargata. Padri, madri, fratelli e cognati, perfetti rappresentanti dei più comuni modelli psicologici, ruotano intorno al protagonista, al quale è stato assegnato il ruolo di “sfigato senza volontà.” Un libro facile facile, se non fosse che, avvicinando una lente di ingrandimento, la normalità si scompone in tante piccole diversità, la felicità apparente in tanti piccoli dolori. 

Ognuno è normale a modo suo e lo stereotipo diventa un contenitore troppo stretto persino in un romanzo. 

La morale è sempre quella: vivere! “La vita non aspetta chi non ha il coraggio di starle dietro”. 

Informazioni su Giuliana Bellosi

Toscana di nascita, laureata all'Università degli Studi di Pisa, attualmente a Milano. Lettrice appassionata, reviewer.
Questa voce è stata pubblicata in Narrativa contemporanea, Recensione libri e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...