IL GRANDE GATSBY – Francis Scott Fitzgerald

Non c’è fuoco o gelo che possa sfidare ciò che un uomo arriva a custodire tra i fantasmi del proprio cuore.

Ci sono libri e libri. Libri da piluccare come chicchi d’uva da un grappolo, alcuni dolci, altri più aspri, sapori passeggeri che arrivano e svaniscono. E poi ci sono libri dal colore intenso di un buon vino rosso. Lo lasci respirare facendo ondeggiare il bicchiere e già ti senti inebriato dal concerto di profumi che emana. Poi ti fai avvolgere dal sapore denso e forte. Ogni sorso è una scoperta, ogni goccia è linfa che si scioglie in bocca e diventa parte di te. Per questo li chiamiamo Classici. “Il grande Gatsby” racchiude in sé i vizi più deplorevoli e le virtù più salvifiche dell’essere umano. Sotto gli occhi impietosi del dottor T. J. Eckleburg che si scorgono su un grande cartellone pubblicitario, giudici supremi ed impassibili, sfila e si dissolve miseramente il sogno americano degli anni Venti, così come si consuma l’inquieta illusione del protagonista. Con una scrittura lucida e scintillante, come gli abiti vuoti che danzano freneticamente alle feste di Jay Gatsby, Francis Scott Fitzgerald descrive un panorama di ineguagliabile eleganza, nascondendosi sapientemente dietro l’essere imperfetto di ogni personaggio, spingendo forte l’acceleratore di una fuori serie gialla, carica di solitudine.

Informazioni su Giuliana Bellosi

Toscana di nascita, laureata all'Università degli Studi di Pisa, attualmente a Milano. Lettrice appassionata, reviewer.
Questa voce è stata pubblicata in Classici, Recensione libri e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...