NON AVEVO CAPITO NIENTE – Diego De Silva

Io vorrei, vorrei davvero che i dispiaceri scaduti, le persone sbagliate, le risposte che non ho dato, i debiti contratti senza bisogno, le piccole meschinità che mi hanno avvelenato il fegato, tutte le cose a cui ancora penso, le storie d’amore soprattutto, sparissero dalla mia testa e non si facessero più vedere, ma sono pieno di strascichi, di fantasmi disoccupati che vengono spesso a trovarmi.

Una voce confusa, eccentrica, talvolta sgangherata è quella dell’avvocato Vincenzo Malinconico che in questo romanzo racconta se stesso. Il suo studio arredato con i mobili dell’Ikea, il suo matrimonio fallito, il rapporto complicato con i figli adolescenti e, finalmente, due episodi “miracolosi” che cambiano l’andamento lento della sua esistenza. Un nuovo ritmo che Vincenzo tiene a momenti alterni, passando dal sorriso alla malinconia, dall’entusiasmo a quell’autoironia consapevole tipica di chi capisce di aver frainteso un po’ tutto nella vita.

Informazioni su Giuliana Bellosi

Toscana di nascita, laureata all'Università degli Studi di Pisa, attualmente a Milano. Lettrice appassionata, reviewer.
Questa voce è stata pubblicata in Narrativa contemporanea, Recensione libri e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a NON AVEVO CAPITO NIENTE – Diego De Silva

  1. Nosce Sauton ha detto:

    D’altronde, se fossimo svuotati di tutti i nostri demoni non saremo più noi, saremo un vuoto… forse anche insensato…

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...