LA REGOLA DEI PESCI – Giorgio Scianna

Si chiama schooling, l’abbiamo studiato a scienze, è quella cosa per cui i pesci riescono a muoversi tutti insieme senza scontrarsi e senza perdere nessuno. Basta fidarsi del movimento degli altri. È questa, la regola dei pesci.

Gli adolescenti sono come i pesci, si muovono in branco. Ma può capitare che se non vedono un traguardo all’orizzonte, uno stimolo concreto che dia senso alla loro vita, può capitare, dicevo, che alcuni di loro si allontanino dal gruppo, distratti da qualcosa che sembra migliore ed invece è solo troppo grande, e più terribile di qualunque altro futuro a cui potrebbero essere destinati. Antonio, Roberto, Ivan e Lorenzo scelgono la Grecia come palcoscenico della loro prima vacanza da maggiorenni, ma a settembre i loro banchi nel liceo Tommaseo rimangono vuoti. I quattro amici sono scomparsi. È per capire cosa è accaduto che ho divorato questo libro in un attimo, sballottata tra la paura, la rabbia, lo sconcerto e l’ansia crescente di madre. Il panico nel pensare che quella sete di avventura che illumina ogni giorno gli occhi di mio figlio possa portarlo, per gioco o per sfida, verso una strada senza ritorno. Un libro che invita i giovani a mettersi in guardia dai pericoli del nostro tempo e gli adulti a mettersi in discussione e migliorarsi nel ruolo sempre più difficile di genitori.

SECONDA DI COPERTINA

Quando a settembre riapre la scuola, il liceo Tommaseo viene travolto da una scoperta che lascia tutti senza fiato: quattro ragazzi, gli unici maschi della quinta C, sono spariti. Erano in vacanza in Grecia, ma dal 22 luglio nessuno sa più niente di loro. E mentre un funzionario della Farnesina viene incaricato di assistere i genitori nel tentativo di capire cosa sia successo, uno dei quattro torna a casa, illeso ma chiuso in un mutismo inattaccabile. Fra di loro c’era un patto, e romperlo significherebbe tradire la fiducia degli altri.

Informazioni su Giuliana Bellosi

Toscana di nascita, laureata all'Università degli Studi di Pisa, attualmente a Milano. Lettrice appassionata, reviewer.
Questa voce è stata pubblicata in Narrativa contemporanea, Recensione libri e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...