L’AMANTE SILENZIOSO – Clara Sánchez

Vuoi tutte le risposte?

Impara a non credere a nessuno

Un perfetto esempio di come si possa sviluppare al peggio una buona idea.

Ezequiel, ammaliato e manipolato dal capo carismatico di una setta, ha tagliato i ponti con la famiglia e vive in una sorta di comunità, in Kenia, isolato dal mondo esterno. Ingaggiata dai genitori del giovane, Isabel si finge fotografa e vola in Africa per cercarlo e convincerlo a tornare a casa.

La capacità di mistificazione delle sette, la debolezza della psiche umana, l’elaborazione di un lutto, la fuga dalla realtà… Argomenti succulenti dai quali partire per cesellare una composizione di alto valore. Purtroppo non è così. La trama è debole, inutilmente tortuosa, spesso inverosimile. Nonostante il continuo avvicendarsi delle due voci narranti, l’esposizione risulta noiosa e l’evoluzione così lenta da rendere difficile il solo mantenere l’attenzione. I personaggi sono bidimensionali, sfocati, così come le descrizioni dei paesaggi africani, svuotati da quella suggestiva magia che li rende unici.

Sanchez deludente o ghost writer?

Seconda di copertina

Rigogliose piante di un verde smeraldo addobbano il patio dove si svolge la cena. Isabel è lì su invito di un’ambasciata spagnola in Africa. Tutti credono che sia una giovane fotografa con la voglia di immortalare i colori e i panorami di quella terra bruciata dal sole. Ma non è questa la verità. Isabel sta cercando qualcuno. Sta cercando, per conto dei suoi genitori, Ezequiel, che si è lasciato tutto alle spalle per ritrovare sé stesso. È stato un uomo a fargli credere di non aver bisogno di null’altro, Maina, che con il suo potere carismatico di persuasione ha legato a sé diverse persone che come Ezequiel si sentivano perse. Perse come amanti silenziosi in cerca d’amore. Isabel deve salvarlo. Deve farlo perché non ci è riuscita con suo fratello che si è affidato a qualcuno con le stesse capacità manipolatorie. Per questo ha accettato questa strana missione, apparentemente semplice: trovare Ezequiel e capire se sta bene. Ma quando Isabel incontra finalmente il ragazzo e conosce Maina capisce che dietro l’obiettivo di regalare nuove prospettive di vita a chi credeva di non averne si cela qualcosa di molto più grande. Attraversando i piccoli villaggi e la natura incontaminata, Isabel si accorge di strani movimenti, nei quali sembra invischiato anche Ezequiel. C’è qualcosa che non torna. Eppure sa che non può fare troppe domande. Perché rischia di essere condizionata e di perdere anche lei il controllo. Perché la sua copertura di fotografa può cadere da un momento all’altro. Perché da sola non è facile farsi scudo da una rete di intrighi e loschi affari.

Informazioni su Giuliana Bellosi

Toscana di nascita, laureata all'Università degli Studi di Pisa, attualmente a Milano. Lettrice appassionata, reviewer.
Questa voce è stata pubblicata in Narrativa contemporanea, Recensione libri e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...